Tutto quello che c’è da sapere su The Elder Scrolls 6

Ultimo aggiornamento: 19.01.21

 

L’attesissimo nuovo capitolo della serie di RPG The Elder Scrolls si fa attendere da molti anni, con la Bethesda che non sembra voler dare molte informazioni a riguardo. Vediamo cosa sappiamo.

 

The Elder Scrolls 5: Skyrim è stato uno dei giochi di più grande successo del 2011 e che ha continuato ad appassionare i gamer anche nel corso degli anni dopo la sua uscita. Larga parte del merito va al motore grafico usato per i videogiochi da Bethesda Softworks, ampiamente moddabile e che quindi ha dato la possibilità ai giocatori di ampliare il gameplay aggiungendo sempre nuovi contenuti. 

La comunità del modding ha addirittura dato vita a delle ‘full conversion’, ovvero dei giochi completi che presentano nuove quest e nuovi personaggi. Famosa l’espansione ‘Skywind’ sulla quale diversi appassionati stanno lavorando da anni e che prevede il remake di Elder Scrolls 3: Morrowind ricostruito con il motore grafico di Skyrim.

Visto il successo incredibile del gioco, ci si poteva aspettare che Bethesda si mettesse subito al lavoro per creare un seguito (ironicamente chiamato da molti Skyrim 6), ma purtroppo di TES 6 ancora non si sa quasi nulla. La software house statunitense però ha ben altri progetti: quando esce Fallout 4 nel 2015 cambia un po’ le carte in tavola, concentrandosi sulla produzione più che sullo sviluppo. Prende sotto la sua ala la ID Software con la quale fa uscire l’ottimo reboot di DOOM e relativo seguito Doom Eternal, inoltre prova la strada del gioco online con Fallout 76 che non riscuote il successo sperato, ma raccoglie comunque un buon numero di giocatori. 

Per Elder Scrolls invece preferisce aggiornare il titolo MMORPG della serie in stile World of Warcraft. Se siete appassionati della serie potrete trovare The Elder Scrolls Online in italiano su Steam. Quindi ancora niente sull’uscita di Elder Scrolls 6, ma vediamo di fare il punto della situazione su quel poco che si sa. 

I futuri progetti 

Di Elder Scrolls 6 si è visto solo un timidissimo trailer di pochi minuti che mostra un paesaggio, ma dopo averlo mostrato Bethesda ha dichiarato di non avere intenzione di far uscire il nuovo TES VI nel prossimo futuro, in modo da potersi dedicare ad altri progetti. Una mossa che ovviamente ha fatto un po’ storcere il naso agli appassionati, viene da chiedersi infatti perché non sfruttare un franchise così amato. 

La risposta è arrivata presto con l’annuncio della nuova generazione di console da parte di Sony e Microsoft, disponibili sul mercato da novembre 2021. Con le nuove console, fu presentato anche un trailer di Starfield di Bethesda, un gioco misterioso del quale si possono trovare alcuni screenshot sul web. Da quanto si sa, Starfield è un titolo ambientato nello spazio con pianeti creati proceduralmente, un po’ come No Man’s Sky. 

Probabilmente si tratterà di un gioco di ruolo con una grossa parte esplorativa, ma per il resto tutto tace. Da una parte si può apprezzare la volontà di Bethesda di non creare il cosiddetto ‘hype’ e di voler giocare di fino, senza grandi annunci dei quali possono poi rimpiangere in futuro, come è successo a CD Projekt RED con Cyberpunk 2077, la quale uscita ormai imminente ha fatto attendere ben sette anni e molti rinvii. 

Il colpaccio di Microsoft 

Ancora prima dell’uscita di PS5 e Xbox Series X, Microsoft ha praticamente stupito il mondo del gaming, acquistando e di conseguenza inglobando la Bethesda. E qui gli utenti di PC e Playstation hanno iniziato a tremare, in quanto ancora ci sono grossi dubbi sull’esclusività dei futuri giochi Bethesda, compreso ovviamente The Elder Scrolls VI. Ai giornalisti e analisti del settore però sembra poco plausibile che una software house e publisher importante come Bethesda abbia accettato di produrre titoli in esclusiva solo per console Xbox. 

Prima di tutto c’è da considerare il vasto mercato PC sul quale Microsoft ha lavorato molto bene negli ultimi anni e che ovviamente tiene in pugno grazie al sistema operativo Windows. Inoltre la Bethesda dovrebbe rinunciare ad una larga fetta di utenza legata alle console Sony, quindi è probabile che l’acquisizione da parte di Microsoft non preveda l’esclusività totale, quanto più quella temporanea dei titoli. Quindi Elder Scrolls 6 potrebbe uscire prima come gioco per Xbox One Series X e PC con contenuti speciali e inediti, per poi approdare dopo un anno o più su PS5. Chiaramente si tratta di speculazioni sulle quali non si assolutamente nulla di preciso. 

 

Un nuovo motore grafico per Elder Scrolls 6

La prima domanda che viene in mente quando si parla del prossimo titolo della saga di Elder Scrolls è: ma dove sarà ambientato? Alcuni pensano che dalle montagne rocciose di Skyrim ci si sposterà nella verdeggiante Valenwood, altri invece contano su un gioco dalla mappa immensa che comprenda più di un regno. Di una cosa si è certi: Bethesda dovrà aggiornare il motore grafico usato in quanto ormai ha fatto il suo tempo. 

Non potrà proporre giochi per la prossima generazione con un engine datato, il mondo del gaming è andato molto avanti a livello grafico e Bethesda deve mettersi un po’ al passo. Un nuovo motore grafico potrebbe sfruttare a pieno la potenza delle nuove console e delle schede grafiche di prossima generazione prodotte da AMD e Nvidia, capaci di gestire il Ray Tracing e il 4K tenendo i 60 fps stabili. 

Il gameplay probabilmente rimarrà invariato, con un sistema di classi e skill variegato che aumenterà la longevità, così come la possibilità di esplorare il mondo di gioco in maniera completamente libera. Sarà curioso vedere come Bethesda si comporterà dal punto di vista narrativo, visto che nel corso degli anni dall’uscita di Skyrim sono stati fatti dei passi da gigante anche su questo campo, con storie davvero coinvolgenti e cinematografiche.

 

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments